Passionate People

Esperienze, racconti, emozioni

di un mondo senza barriere.

5 artisti di fama mondiale faccia a faccia con la disabilità!

Quando in televisione guardiamo gli artisti più famosi, pensiamo a delle persone invincibili. In realtà non è così! Ti proponiamo 5 artisti di fama mondiale, che hanno fatto la storia con le loro opere d’arte, ma erano delle persone con una disabilità!

In questo articolo ti presentiamo cinque artisti famosi che vivevano e lavoravano con una disabilità. Scommetto che rimarrete senza parole dopo aver letto quanto segue!

Michelangelo

I critici d’arte, ancora oggi, non sono d’accordo se Michelangelo soffrisse di gotta o di artrosi. Ma in entrambi i casi, il famoso pittore e scultore aveva notevoli problemi con le mani e i piedi, perché avevano una funzionalità e una mobilità limitate.

In più, soffriva di calcoli renali, e questo fa pensare che la diagnosi più corretta sia la gotta. In ogni caso che si tratti di artrosi o gotta, Michelangelo ha continuato a martellare e dipingere fino all’età di quasi 89 anni!

Secondo alcune persone la causa dei problemi di salute di Michelangelo è l’uso eccessivo del proprio corpo. Un uso ripetitivo può danneggiare le articolazioni. In realtà i medici raccomandano alle persone che soffrono di artrite, di tenere in movimento le articolazioni il più possibile.

Francisco Goya

Goya è conosciuto come uno dei migliori ritrattisti della storia. I biografi dividono le sue opere in due periodi prima e dopo la sua malattia. Gli esperti ritengono che Goya soffrisse di problemi neurologici. I sintomi di cui soffriva erano mal di testa, vertigini, perdita dell’udito, problemi visivi e problemi di mobilità nel braccio destro.

Soffriva anche di sifilide e per curarla, Goya, usava unguenti a base di mercurio, una sostanza velenosa! Infine, molte delle vernici con cui lavorava quotidianamente contenevano piombo. Come si può bene immaginare i fattori che hanno contribuito alla cattiva salute di Goya sono stati parecchi.

Questi problemi di salute portarono a un periodo di depressione e perdita di peso, ma Goya continuò a dipingere. Negli ultimi anni di vita, diventò sordo, ma non ha mai smesso di dipingere. Con il progredire della malattia, la sua arte divenne più drammatica e fantasiosa. Nonostante tutte le difficoltà le capacità artistiche di Goya non furono limitate anzi le ha quasi trasformate.

Paul Klee

Paul Klee era un pittore, poeta e filosofo. Ha creato un gran numero di dipinti e schizzi di natura surreale. Nonostante sia nato e cresciuto in Germania, le sue opere d’arte erano collegate agli artisti surrealisti di Parigi degli anni 20 e 30. Mentre creava ancora una grande quantità di opere, nel 1935, iniziò a soffrire di una malattia misteriosa.

I sintomi di questa strana malattia erano un continuo cambiamento della pelle e problemi agli organi interni. Morì nel 1940 di questa strana malattia, ancora non diagnosticata. Dopo dieci anni dalla sua morte, la malattia fu chiamata “sclerodermia”

La malattia di Klee era rara e complessa. Gli esperti sono convinti che il 90% delle sue opere siano state influenzate da questa strana malattia. Ma nonostante tutto, Klee continuò il suo lavoro per altri cinque anni. Verso il finire della sua vita, ha usato la sua esperienza per arricchire le sue opere d’arte di spiritualità.

Van Gogh

Vincent Van Gogh soffriva di epilessia e disturbo bipolare. È nato con una lesione cerebrale che potrebbe essere stata aggravata dal continuo uso dell’assenzio. Il suo medico, il dott Gachet, gli aveva prescritto la digitale, ma un effetto collaterale di questo medicinale è vedere macchie gialle. Alcuni storici si chiedono se questo fosse il motivo per cui Van Gogh usava il colore giallo nella sua arte.

Van Gogh creava le sue opere d’arte a un ritmo molto rapido. Produceva più opere quando viveva un periodo di depressione. Per questo motivo, Van Gogh soffriva di un disturbo bipolare. Durante questa sua fase di depressione, ha creato numerose opere, e pare abbia scritto oltre 800 lettere!

L’ arte di Van Gogh fu influenzata dai sintomi della sua malattia. L’artista, a causa  del gonfiore delle sue retine, vedeva degli aloni di luce in tutti gli oggetti che lo circondavano, e questo disturbo si può percepire anche nei suoi quadri, come la “La notte stellata”.

Henri Matisse

Henri Matisse era un utente in carrozzina dopo aver subito un intervento chirurgico per sconfiggere il cancro. Ma nonostante tutto, non si lasciò mai abbattere, e gli ultimi 14 anni della sua vita li ha definiti “una seconda vita”. Matisse riteneva che il periodo in carrozzina, gli avesse permesso di ripensare alle sue priorità e di essere libero di fare ciò che voleva.

Matisse ha adattato i suoi metodi artistici per la sua nuova condizione fisica. Ha iniziato a creare opere d’arte con forme di carta colorata. Matisse ritagliava le forme e indicava a un suo assistente dove incollare il pezzo su un grande cartellone montato sul muro. Matisse era solito usare il gesso per abbozzare il motivo inziale dell’immagine.

Quando parlava del suo lavoro, Matisse ribadiva che nonostante la sua mobilità fosse ridotta, passeggiava nei giardini che rappresentavano un’opera d’arte. Incapace di viaggiare come una volta, Matisse è stato in grado di sperimentare la bellezza che lo circondava attraverso l’arte creata dalle sue stesse mani.

E la lista continua…

Questi sono solo alcuni delle persone che con una disabilità hanno fatto grandi cose. Ma la lista potrebbe continuare. Il messaggio che vogliamo dare e che nella vita non bisogna mai arrendersi, perché “A volte per rialzarsi in piedi non servono le gambe”

Buona fortuna!