Passionate People

Esperienze, racconti, emozioni

di un mondo senza barriere.

Sedie per doccia: come scegliere?

Per tutti noi (o almeno, per la maggior parte!) la doccia è un rito quotidiano e irrinunciabile. Per qualcuno, però, questo appuntamento é una vera e propria impresa, impensabile senza l’ausilio di ausili dedicati. Tra questi, le sedute per doccia sono provvidenziali per chi ha una mobilità ridotta. Queste, infatti, favorendo una “normale quotidianità”, contribuiscono ad accrescere l’autonomia degli utilizzatori.
E’ possibile scegliere tra un’infinita varietà di sedute doccia per disabili. Dai semplici sgabelli, pratici e leggeri da spostare, fino ai sedili fissi, montati a parete e ribaltabili. Non solo. Si va dall’oggetto neutro e impersonale, al prodotto di design, confortevole e capace di fare bella mostra di sé tra le pareti domestiche.

Dove acquistare sedie doccia?

Spesso sono gli operatori sanitari o i terapisti a consigliare e procurare gli ausili più idonei per agevolare i loro pazienti. Se pensate di aver bisogno di una seduta per doccia, fatelo presente ai vostri operatori. Si tratta di una vera svolta in termini di sicurezza e di autonomia tra le mura domestiche. Un approccio condiviso, inoltre, è indubbiamente vantaggioso per raggiungere la massima indipendenza nei piccoli gesti quotidiani.
Se avete la necessità di acquistare una seduta per doccia personale potrete consultare numerosi siti dedicati alla vendita di questi articoli, tra cui quello di Invacare.
Per maggiori informazioni sui vari modelli disponibili in commercio, consultate il seguente link: www.invacare.it

Quali sono i modelli di seduta doccia attualmente disponibili?

Il mercato oggi propone un’ampia varietà di modelli: sedie da doccia fisse o pieghevoli, ad autospinta o manovrabili da un accompagnatore, comode, sgabelli fissi, pieghevoli o a parete. E’ quindi fondamentale individuare la soluzione più adatta ai nostri bisogni in termini di mobilità.
Per alcune persone “vedere” l’accessorio come un elemento di design, piuttosto che come un ausilio per la mobilità, contribuisce a migliorarne la percezione e l’accettazione. Talvolta questi oggetti possono creare imbarazzo perché sottolineano troppo marcatamente un limite fisico. Di fatto, la prospettiva cambia quando tali ausili hanno una presenza discreta, esteticamente gradevole in grado di agevolare non solo l’utilizzatore disabile, ma anche l’utente normodotato.
Ovviamente praticità e sicurezza devono avere la meglio rispetto ad una scelta di puro design. La maggior parte di noi è orientata a scegliere oggetti esteticamente gradevoli e discreti. Tuttavia se si ha ad esempio bisogno di maggior stabilità ed equilibrio è ovvio che si dovrà privilegiare un seggiolino per doccia più grande e rigido. La sicurezza vince su stile e design. La semplice aggiunta di un bracciolo, in alcuni casi, può fare la differenza, soprattutto quando c’è il rischio di scivolare perché il pavimento è bagnato.

Per concludere

In commercio ci sono centinaia di modelli di sedie e sgabelli per doccia. Per trovare quello che meglio si adatta alle esigenze di ciascuno é sufficiente una semplice ricerca su Google. Con un po’di pazienza la soluzione giusta, sia in termini di comfort, che di budget, è alla portata di tutti.